assicurazione di viaggio

Cosa copre e quanto costa un’assicurazione viaggio?

L’assicurazione viaggio è un contratto stipulato fra i passeggeri e una compagnia di riferimento qualora si verificassero inconvenienti durante il soggiorno. Viaggiare è sempre una bella esperienza; che sia per lavoro o per piacere personale. Ma siamo sicuri che ogni volta fili tutto liscio?

Abbiamo accumulato tutti un’esperienza negativa in fatto di viaggi; magari ci hanno smarrito i bagagli, oppure abbiamo dovuto annullare noi il viaggio per imprevisti. È in casi del genere che un’assicurazione di viaggi è necessaria. Vediamo insieme come funziona, quali sono i costi e cosa specificamente copre un’assicurazione di viaggi.

Cosa copre un’assicurazione di viaggi?

Prima di mettersi in viaggio è importante sottoscrivere un’assicurazione che copra qualsiasi imprevisto. Solo in questo modo possiamo partire sicuri, avendo la certezza che ad ogni intoppo ci spetta sicuramente un risarcimento.

Ma cosa copre un’assicurazione di viaggi? Ovvero, quali sono i casi specifici in cui si ha diritto al risarcimento. Vi sono numerose garanzie; le più comuni fra i viaggiatori riguardano lo smarrimento dei bagagli ed eventuali problemi di salute durante il soggiorno.

  1. Bagagli smarriti: se la compagnia aerea ha smarrito il bagaglio, oppure abbiamo subito un furto, l’assicurazione interviene, ma non dobbiamo dare per scontato un rimborso del 100%. I massimali garantiti vanno controllati prima, e di solito non includono lo smarrimento di documenti o di denaro. Chiaramente, dipende sempre dalla policy aziendale; ci sono compagnie assicurative che prevedono rimborsi per smarrimento denaro e altre no. 
  1. Problemi di salute: nel caso in cui ci siamo ammalati durante il viaggio, oppure abbiamo subito infortuni, la copertura assicurativa ci fornisce una scorta di medicinali in primis, ma ci risarcisce anche eventuali costi di trasporto e cure sanitarie, escludendo per ovvie ragioni malattie pregresse del viaggiatore. 
  1. Danni terzi: magari abbiamo subito furti o aggressioni sul posto, che ci ha costretto a spese mediche, legali o rientri anticipati. 

Tipologie di assicurazioni in base alla categoria di viaggiatori

Un’assicurazione tiene conto non solo del danno materiale, ma anche delle tipologie dei viaggiatori. Ci sono dei casi di assicurazione viaggio che riguardano il numero delle volte in cui partiamo, indipendentemente che sia per lavoro o svago. Parliamo allora di assicurazione per numero di viaggi, che possono essere:

  1. Viaggio singolo: magari ci stiamo concedendo una meritata vacanza estiva, ed è l’unico viaggio intrapreso durante l’anno. Per avere la certezza di non correre rischi inutili, si può stipulare un’assicurazione totale, che copre cioè l’intero viaggio sotto ogni punto di vista.
  1. Polizza annuale: è il caso di viaggiatori seriali, ovvero quando un viaggiatore compie diversi viaggi durante l’anno per diverse ragioni. In questo caso, l’assicurazione può riconoscere un’unica soluzione valida per tutto l’anno senza ricorrere a più contratti. 

Un’altra variabile che l’assicurazione calcola è lo scopo del viaggio. È il caso di chi intraprende viaggi per motivi di lavoro, o per minori; addirittura sono coperte le categorie degli sportivi, perché di solito viaggiano con attrezzature importanti al seguito. 

C’è poi anche la categoria degli studenti, che possono stipulare una copertura assicurativa valida per l’intera durata del soggiorno. È il caso degli studenti Erasmus che possono restare all’estero dai 3 ai 12 mesi.

viaggio-assicurato

Perché è importante stipulare un’assicurazione di viaggi?

Esiste un numero incredibilmente alto di incappare in qualche imprevisto durante un viaggio. Fortunatamente, è possibile stipulare un contratto di assicurazione a monte specifico per ricevere indennizzi che tengono conto di una vasta gamma di casi.

In linea generale, sarebbe opportuno preventivare un’assicurazione prima di qualunque viaggio, ma non sempre lo facciamo. Ma ci sono alcune tipologie di viaggi in cui non possiamo esimerci dal farla: è il caso delle cosiddette zone a rischio, magari perché i luoghi di destinazione sono in guerra.

Non sono esattamente mete di piacere, ma i motivi che spingono a raggiungerle esistono e abbiamo bisogno di un’assicurazione di viaggi totale che ci consenta di partire più serenamente.

Quanto costa un’assicurazione di viaggi?

Tutto il discorso precedentemente affrontato in base alle tipologie di assicurazione esistenti e sui casi copertura sono funzionali all’analisi dei costi. I massimali variano a seconda delle singole coperture che includiamo nel contratto, e i costi variano da un minimo di 10€ ai 60€ in Europa; già se voliamo negli States i costi salgono almeno a 150€.

In definitiva, non si tratta di cifre molto alte, e con un piccolo surplus si possono coprire viaggi internazionali a 3 zeri. Ma allora perché non tutti i viaggiatori ne usufruiscono? Spesso capita per i viaggi low-cost, che a fronte di una spesa davvero minima in termini di viaggio, non ci invogliano ad aggiungere i costi di un’assicurazione.

Ma imprevisti e infortuni sono sempre dietro l’angolo, e l’unico modo per contrastarli resta quello di stipulare sempre un’assicurazione di viaggi prima di partire!

Redazione interna

La nostra redazione è formata da esperti di settore, Web editor, Copywriter e Social Media Manager. L’obiettivo di questo sito è quello di riportare news e aggiornamenti su tutto quello che rigurarda il mondo dei Prestiti e dei Finanziamenti.